IMPIANTI ACQUE REFLUE

FILTRO PERCOLATORE

Il filtro percolatore nella sua versione classica o convenzionale è costituito da materiale di riempimento attraverso il quale il liquame , precedentemente chiarificato con una fase di sedimentazione primaria e uniformemente distribuito sulla superficie attraverso particolari organi, percole, cioè scorre sulla superficie dei vari elementi del mezzo filtrante.I corpi che costituiscono il volume filtrante sono realizzati in poli- propilene, pensati per garantire una elevata superficie disponibile all’attecchimento dei microrganismi batterici, in particolare le sfere utilizzate offrono una superficie per unità di volume filtrante di 140 m2/m3, molto superiore ai tradizionali riempimenti lapidei, con un volume di vuoti superiore al 90%; con questa soluzione vengono minimizzati i rischi di intasamento del letto e si garantisce anche una migliore circolazione dell’aria attraverso il letto filtrante del percolatore aerobico. I filtri percolatori consentono di raggiungere buoni rendimenti di depurazione senza spese energetiche, con spese di gestione minime limitate alla periodica pulizia dell’impianto. Il dimensionamento dei filtri percolatori per un liquame domestico medio, si riferisce al fattore di carico organico kgBOD/m3d con cui viene alimentato il filtro, questo parametro è il rapporto tra carico organico in ingresso kg BOD5d ed il volume del letto filtrante. 

 

Filtro Percolatore Aerobico

Il percolatore aerobico grazie all’areazione della biomassa adesa consente rendimenti di depurazione superiori al percolatore anaerobico. L’uscita in questo tipo di manufatto è al livello del fondo del filtro, per questo in assenza del dislivello occorre pensare all’introduzione di un sistema di sollevamento a valle del filtro stesso. Per ridurre lo scarico di corpi solidi è bene introdurre una vasca per la sedimentazione secondaria, tipo fossa settica o Imhoff a valle del percolatore. Il dimensionamento proposto si riferisce ad un liquame domestico per una portata giornaliera scaricata di 200 l/A.E. ed un carico organico giornaliero di 48 gBOD5 / A.E. dopo sedimentazione primaria. 

FILTRO PERCOLATORE ANAEROBICO

Il FILTRO PERCOLATORE ANAEROBICO sfrutta elementi in plastica ad elevata superficie di contatto in modo che in condizioni di anossia si possa sviluppare su di essi una flora batterica di tipo anaerobico che porta alla degradazione della sostanza organica. 

Impianti a fanghi attivi

Dimensionamento. Questa configurazione è consigliata in presenza di sedimentazione primaria e consente l’abbattimento dei solidi sospesi e del carico organico in conformità con le richieste tabellari del D.lgs 152/06 e successive modifiche. Gli impianti sono pensati per un carico organico giornaliero pro-capite di 48 g/A.E. (dopo sedimentazione primaria tipo fossa settica o Imhoff e degrassatura) e per una portata media giornaliera di 200 l/A.E.

 Impiego. Come trattamento secondario a valle di trattamenti primari (Imhoff, degrassatore), per recapito in dispersione mediante sub- irrigazione o scarico su corso d’acqua superficiale etc. a servizio di: abitazioni civili isolate, uffici pubblici, attività industriali o commer- ciali, stazioni di servizio ferroviarie e aeroporti, servizi igienici di fast-food, ristoranti, bar, agriturismi, alberghi, campeggi.

page44image11664

Dimensionamento Questa configurazione d’impianto garantisce il raggiungimento di rendimenti molto elevati di abbattimento del carico biologico in produzioni ridotte di fanghi di supero, anche in assenza di sedimentazione primaria. Il carico organico giornaliero pro-capite assunto per il dimensionamento è di 60 gBOD5 / A.E. e la dotazione idrica giornaliera di 200 l/A.E.

Impiego Come trattamento primario e secondario delle acque reflue nere, previo trattamento delle acque grigie con degrassatore; per recapito in dispersione mediante sub-irrigazione o su corso d’acqua superficiale a servizio di: abitazioni civili isolate, uffici pubblici, atti- vità industriali o commerciali, stazioni di servizio ferroviarie e aeroporti, servizi igienici di fast-food, ristoranti, bar, agriturismi, alberghi, campeggi, etc.

page45image162440